Ecommerce, +26% di crescita record nel periodo del lockdown

Molto interessanti i dati messi in evidenza dall’Osservatorio eCommerce B2C promosso da Netcomm e dalla School of Management del Politecnico di Milano, secondo cui nel 2020 si è registrato un aumento degli acquisti online pari al +26% rispetto all’anno precedente.
Nello specifico, la spesa complessiva dei cittadini italiani nel corso del 2020 dovrebbe ammontare a 22,7 miliardi di euro, ben 4,7 miliardi in più rispetto al 2019.
I dati messi in evidenza divengono ancor più “pesanti” se si considera che nel 2020 i consumi registreranno un calo in modo pressoché certo; la School of Management del Politecnico di Milano e Netcomm stimano che nell’anno in corso gli acquisti online diverranno l’8% del complessivo settore Retail, cifra superiore di due punti percentuali rispetto a quella registrata nel 2019.

I settori con le crescite più nette

L’Osservatorio eCommerce B2C ha inoltre messo in evidenza i settori che registreranno le crescite più considerevoli nell’arco del 2020, e al primo posto figura quello degli alimentari, con un balzo altisonante del +56%.
Questo trend è strettamente correlato all’emergenza Covid-19: sebbene uscire di casa per fare la spesa fosse uno dei pochissimi spostamenti giustificati, molti cittadini hanno saggiamente scelto di farsi recapitare gli alimenti d’interesse comodamente a domicilio.
Moltissime aziende del settore, d’altronde, hanno organizzato dei servizi di consegna domiciliare dei generi alimentari, le quali sono andate ad affiancarsi a quelle che già offrivano, appunto, la possibilità fare la spesa online assicurandosene la consegna a domicilio.
Al secondo posto per quel che riguarda i settori che hanno registrato i trend di crescita più netti figura il settore arredamento e home living, con un consistente +30% rispetto al 2019, altre nicchie che hanno registrato enormi crescite di ordini online sono inoltre pharma, il beauty e lo sport & fitness, e anche questo dato non desta stupore dal momento che palestre e centri estetici sono stati momentaneamente chiusi per via della pandemia.

Le principali sfide del prossimo futuro

Riccardo Mangiaracina, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio eCommerce B2C, ha evidenziato il fatto che il commercio elettronico e quello fisico, quindi quello che si concretizza nei punti vendita, stanno divenendo sempre più vicini, e con ogni probabilità la principale sfida per il prossimo futuro sarà il cosiddetto proximity commerce.
Tale concezione del commercio prevede che i piccoli negozianti possano, grazie alle grandi piattaforme di commercio elettronico e grazie agli ormai diffusissimi servizi di delivery, riuscire a servire in modo sempre più efficiente i clienti che si trovano nelle zone limitrofe.

E-commerce ormai imprescindibile per affrontare il mercato

Non ci sono dubbi, dunque: il commercio elettronico è indiscutibilmente il futuro, anche se davanti a simili dati è più corretto parlar di presente!
Per le aziende più disparate, operanti nei settori più diversi, valorizzare il commercio online è oramai indispensabile per star bene sul mercato.
Ovviamente, fare e-commerce non significa semplicemente possedere un sito: attuare delle campagne di web marketing di livello professionale, monitorare tutti i dati di rilievo ed effettuare delle ottimizzazioni mirate è fondamentale per essere competitivi in un canale in cui ormai, come visto, la concorrenza è ormai altissima.

E tu cosa ne pensi? Gestisci un ecommerce? Se sì, possiamo aiutarti con un audit personalizzato per individuare eventuali criticità e capire se sfrutti in pieno a potenzialità del tuo shop, contattaci per una consulenza!

Raccontaci la tua idea, la trasformeremo in progetto.

Raccontaci la tua idea,
la trasformeremo in progetto.

Compila il form o chiamaci allo +39 02 89745373