Logo Digi Tools
Cerca
Close this search box.

Fonti di dati per business intelligence e analisi

I dati e qualsiasi numero di fonti di dati sono alla base del data driven marketing. Quali sono queste fonti di dati? Da dove provengono? Quale magia deve accadere per ricavare business intelligence e analisi da tutti questi dati?

Approvvigionamento dei dati: ritorno alle basi della strategia

Prima di immergerti e fare qualsiasi cosa con i dati, devi aver già implementato  una data strategy completa per guidare la raccolta dei dati, la governance e i casi di utilizzo.

Fondamentalmente, devi sapere prima di iniziare cosa vuoi fare con i tuoi dati partendo dalla definizione delle tue origini di dati.

Da dove intendi ricavare i tuoi dati e come creerai una business intelligence (BI) utilizzabile da questi?

È facile essere sopraffatti da un volume di dati eccessivo se inizi a raccoglierli alla cieca.

La tua strategia ti ha guidato verso la definizione delle fonti di dati che ti forniranno gli elementi necessari per risolvere i tuoi problemi aziendali.

Allo stesso modo, la raccolta di più dati del necessario ti pone il problema di non utilizzarli affatto oppure potrebbe potenzialmente farti entrare in conflitto con il GDPR e altre misure sulla privacy dei dati.

Consiglio: pensa attentamente ai dati di cui hai bisogno e alle fonti da cui li otterrai.

Quali sono le tue fonti di dati?

Inizia a restringere le tue fonti di dati, mettendo da parte il fatto che obbiettivi diversi ti indirizzeranno verso fonti diverse, gli esempi di business intelligence di seguito descritti si concentreranno sulle applicazioni orientate al marketing e alle vendite.

La forma dei dati

Tutti i dati non vengono creati allo stesso modo. Possono essere dati non strutturati (grezzi), strutturati (righe e colonne, come in un database) o semistrutturati.

Il primo passo verso l’estrazione di valore da tutte queste diverse forme di dati è farli vivere armoniosamente in un unico spazio (ad esempio, un “data lake”) in grado di supportare tutti i diversi formati.

L’obiettivo potrebbe essere quello di raggiungere un punto in cui tutta la tua azienda sta lavorando da un’unica fonte e non acquisendo set di dati casuali da fonti diverse e possibilmente non convalidate.

I dettagli delle fonti di dati

Così come esistono diversi formati di dati, esistono anche diverse fonti di dati.

La fonte di dati di base per la maggior parte della business intelligence, almeno tradizionalmente, è stata il database.

Esistono innumerevoli diversi tipi di database che forniscono dati in diversi formati. Alcuni stanno solo archiviando dati (come il vecchio standby, il foglio di calcolo), altri sono transazionali, (ad es. CRM ed ERP), che contengono una grande quantità di informazioni utili ma non sono stati tradizionalmente progettati per scopi di BI.

Tutti questi tipi di database sono poco più che archivi di informazioni che non hanno ancora prodotto alcun insight.

Con i sistemi, le piattaforme e gli strumenti di business intelligence, questo cambierà sicuramente.

Il database non è l’unica fonte di dati disponibile. Viviamo in un mondo in cui quasi tutte le interazioni digitali e offline che abbiamo e le azioni che intraprendiamo lasciano una scia di dati, molti dei quali possono essere estratti come fonte di dati.

La maggior parte di questi dati può essere trovata in file flat e in maggior numero su servizi e canali web, come siti, annunci, app, social media, sistemi di ticketing e così via.

Sebbene questo non sia il focus dell’articolo, è anche bene tenere presente che a volte possono essere acquisiti anche i dati offline, come le interazioni con il servizio clienti e i contact center o le interazioni in negozio, che possono aggiungere una dimensione preziosa al quadro più grande che stai cercando di dipingere con i tuoi dati.

Dipingere quadri con i dati

La maggior parte delle aziende utilizza o desidera implementare l’intelligence e l’analisi dei dati in tutte le loro attività.

Sebbene ci siano innumerevoli modi per utilizzare i dati per scopi diversi, tra cui previsioni, monitoraggio delle prestazioni, rilevamento di anomalie e altre applicazioni più tecniche, alcuni dei casi d’uso di analisi più noti si basano sui dati per fornire metriche efficaci per consumatori e clienti per informare il processo decisionale, che di solito rientrano direttamente nel marketing e nella fidelizzazione dei clienti, tra cui, ad esempio:

  • analisi del comportamento degli utenti
  • marketing di attribuzione
  • comprensione del “customer journey”
  • individuazione di un unico punto di vista del cliente
  • identificazione dei  segnali di abbandono per agire preventivamente

A seconda delle origini dati e di come li hai strutturati, la data intelligence che hai raccolto ti offre un’ottima opportunità per applicare la business intelligence in situazioni critiche per l’azienda.

Come viene resa operativa la business intelligence?

In che modo i dati diventano business intelligence? Cosa li rendono intelligenti?

Facciamo un passo indietro prima di continuare e pensiamo a cosa sia effettivamente la “business intelligence”.

Come si passa da una vasta raccolta di dati da più fonti, ad esempio, alla possibilità di tracciare un percorso del cliente multi-touch? O come è possibile ottenere una visione dettagliata delle prestazioni complessive di un’azienda o di un’unità aziendale? La business intelligence, un termine generico che può significare cose diverse per persone diverse, è la soluzione.

Business intelligence è un termine che, come “big data” o anche “analisi dei dati”, viene spesso utilizzato a sproposito senza trasmettere un significato chiaro o condiviso.

Una definizione di base di business intelligence è un qualsiasi processo o software che conferisce valore ai dati.

Cioè, la BI – sia che informi la strategia e il processo decisionale o si riferisca specificamente alla pianificazione e agli strumenti tattici – trasforma i dati per usi reali e utilizzabili.

Sistemi e software di business intelligence

Attingere al valore dei dati richiede i giusti tipi di sistemi e/o software di business intelligence.

Come accade nel regno della BI, ci sono una serie di categorie da considerare, ad esempio, se il tuo obiettivo è creare visualizzazioni di dati e dashboard o se hai bisogno di strumenti ETL (extract-transfer-load) per spostare i dati da un luogo a un altro.
Alcuni degli strumenti di BI più popolari includono Microsoft Power BI, Tableau, Alteryx, SAP Business Objects, ed innumerevoli altri.

Il sistema o il software che scegli dipenderà molto dalle tue necessità, sia da ciò che ti serve per lo strumento sia da ciò di cui hai bisogno in termini di approfondimenti e risultati.

E ci sono molte scelte che possono essere difficili da ordinare se è difficile valutare esattamente ciò di cui hai bisogno e non sai quanto siano sofisticate le tue funzioni di BI e analisi dei dati e le risorse interne.

Un consulente di BI e data analyst ti può fornire diverse indicazioni sia nella selezione del sistema BI che nella costruzione della strategia di BI complessiva.

Esempi di business intelligence

Sebbene correlata, la business intelligence non è la stessa cosa della data analytics. Il modo più semplice per spiegare la differenza potrebbe essere il fatto che la BI pura si occupa di più delle attuali questioni aziendali e delle decisioni a portata di mano, mentre la data analytics mira ad essere più predittiva ed è orientata al futuro, ovvero la differenza tra analisi descrittiva, prescrittiva e predittiva.

Le differenze diventano più chiare quando si confrontano i casi d’uso di analisi di cui sopra con i casi d’uso BI di seguito descritti, anche se la linea di differenziazione non è proprio netta.
Come può essere applicata la BI nel mondo reale? Con queste distinzioni in mente, quali sono alcuni esempi di business intelligence?

Rapporti: non puoi facilmente prendere decisioni, determinare i progressi, analizzare cosa è andato bene o male o capire la tua posizione attuale senza un rapporto accurato della tua posizione in questo momento. La BI consente di utilizzare i dati per generare rapporti di marketing, vendite, inventario, proprietà, redditività e perdite (tra tante altre possibilità).

Analisi delle tendenze: dove vedi modelli e tendenze nell’attività? Ad esempio, se stai esaminando una catena di approvvigionamento end-to-end, la BI può aiutarti a individuare dove ci sono ritardi, dove ci sono discrepanze nell’inventario, quali problemi e in che punto del processo si presentano ripetutamente. Allo stesso modo potresti guardare modelli più in real time ed essere in grado di realizzare azioni per risparmiare denaro per la tua azienda, ad esempio rilevare eventuali frodi.

Analisi del prodotto: i registri del prodotto possono fornire informazioni su come vengono utilizzati i prodotti e su come potrebbero essere migliorati.

Perché la business intelligence è fondamentale per il business

La linea di fondo è che la business intelligence, se eseguita correttamente, offre la capacità di prendere decisioni basate sui dati in tutta l’azienda all’interno del contesto e dei vincoli specifici.

Man mano che le aziende diventano più competitive, qualsiasi vantaggio è una vittoria.

La BI aggiunge un vantaggio fondamentale al raggiungimento degli obiettivi e all’adozione di decisioni migliori e più intelligenti.

Una società di consulenza  di data strategy / business intelligence come la nostra è pronta ad aiutarti e a guidarti attraverso il processo di comprensione di come la BI può fare qualsiasi cosa, dall’aumento del margine di profitto alla comprensione del comportamento dei clienti, dall’ottimizzazione delle operazioni alla risoluzione dei problemi.

Pronto a parlare di business intelligence con noi? CONTATTACI SUBITO per una call, siamo a tua disposizione!

Clicca sul banner per saperne di più!

Raccontaci la tua idea,
la trasformeremo in progetto.

Compila il form o chiamaci allo +39 02 89745373