Analisi dei competitor: come eseguirla per migliorare la tua strategia di digital marketing

Che cos’è l’analisi dei competitor?

L’analisi dei competitor è il processo di ricerca e analisi delle strategie di marketing e delle caratteristiche di business delle aziende che operano in un dato mercato. Solitamente viene eseguita per identificare i propri punti di forza e di debolezza, definire la posizione della propria azienda in relazione ad altri attori del mercato e stimare il proprio potenziale per  migliorare. Molte aziende eseguono l’analisi della concorrenza quando sviluppano una strategia di marketing e poi non la rivedono più. Questo è un grave errore perché in molti casi un aggiornamento tempestivo delle tue azioni online potrebbe aiutarti a ottenere migliori risultati.

 

Perché controllare regolarmente gli altri attori del mercato?

È probabile che i tuoi principali concorrenti rimangano gli stessi di quando hai sviluppato la strategia, ma le loro posizioni nel mercato e il mercato stesso sono in costante cambiamento. Di conseguenza monitorare regolarmente le azioni dei tuoi competitor ti consentirà di:

  • rivedere i benchmark: monitorando le tue statistiche interne puoi capire quali canali funzionano meglio. Ma cosa succederebbe se i tuoi concorrenti riuscissero a ottenere migliori risultati?
  • metterti al passo con le tendenze del settore e del mercato: ci sono alcune tendenze stagionali che si ripresentano ogni anno e ci sono picchi e cali della domanda a cui sarai preparato solo se monitorerai costantemente il panorama competitivo.
  • capire quali sono gli errori da evitare: a volte è meglio lasciare che i tuoi concorrenti testino nuovi canali piuttosto che andarci tu stesso e sprecare il tuo budget. Osservare i movimenti dei tuoi competitor può aiutarti a capire come agire e individuare le aree da migliorare.
  • aggiornare il tuo marketing mix: dalle campagne di digital marketing puoi ottenere alcune notizie importanti sulla concorrenza, come ad esempio il lancio di un nuovo prodotto, e ottenere idee per lo sviluppo della tua azienda.
  • affinare i tuoi obiettivi: man mano che la situazione nel mercato online cambia, potrebbe essere necessario modificare non solo la strategia, ma anche gli obiettivi che hai impostato in precedenza.

L’analisi della concorrenza: i punti chiave per il digital marketing

Per eseguire correttamente l’analisi della concorrenza:

  1. Rimani aggiornato sulle posizioni di mercato dei concorrenti
  2. Controlla la scelta delle piattaforme dei tuoi rivali per la pubblicità e i posizionamenti sui media
  3. Ottieni informazioni sulle principali campagne di marketing della concorrenza
  4. Analizza gli sforzi SEO dei tuoi concorrenti

Dopo aver eseguito le azioni sopraelencate, valuta in che modo le azioni delle aziende concorrenti e le tue idee di marketing sono correlate alla tua strategia iniziale. Potresti scoprire che una campagna a lungo termine che hai avviato sei mesi fa non corrisponde alle tendenze e alle esigenze attuali del mercato. Successivamente, filtra tutte le idee che non sono in linea con l’offerta, il posizionamento, gli obiettivi finali o la strategia della tua azienda. Se sei a metà della tua campagna di marketing e, rispetto alla concorrenza, non stai producendo ottimi risultati, non aver paura di apportare modifiche o addirittura di ripensare l’intera strategia.

Hai ancora dei dubbi? Se sì, CONTATTACI! Ti aiuteremo a plasmare la tua strategia di marketing, a migliorare la tua performance online e a raggiungere i tuoi obiettivi!

 

User Generated Content: cos’è e quali sono i vantaggi

Che cosa si intende per UGC?

Per UGC si fa riferimento a video, testi o immagini che vengono postati e condivisi dagli utenti sui social media, blog, siti web o altri canali di marketing. Il contenuto generato dagli utenti è uno dei metodi più efficaci per creare una strategia di conversione di successo e aumentare la Brand Reputation, si dice infatti che i clienti siano le risorse migliori di un’azienda.

 

Vantaggi degli User Generated Content

I vantaggi derivanti dall’UGC sono molteplici. Utilizzare i contenuti creati dagli utenti ti consentirà di:

  • Aumentare la tua credibilità: i consumatori hanno più probabilità di vedere i contenuti generati dagli utenti come autentici rispetto ai contenuti creati dai brand poiché la maggior parte delle persone afferma che meno della metà dei brand crea contenuti autentici. Inoltre, é stato dimostrato che l’88% dei consumatori si fida delle recensioni elaborate da coloro che hanno effettuato un acquisto prima di loro.
  • Costruire la fedeltà attorno al tuo prodotto o servizio: creare delle relazioni a lungo termine con i tuoi clienti ti consentirà di ottenere più vendite nel corso del tempo e promuovere un senso di lealtà e fiducia nelle persone che potrebbero avere meno familiarità con il tuo brand.
  • Aumentare le visite alle pagine per via organica: aggiungere le recensioni dei clienti all’interno del tuo sito web ti consentirà di ottenere maggiori visite organiche e fornire opinioni autentiche, sincere.
  • Implementare la SEO strategy con gli UGC: sapere quali long tail keyword usano i tuoi clienti ti consente di capire le frasi che ricercano gli utenti e di implementare la tua strategia in maniera molto più semplice.

Come gli UGC possono migliorare i KPI di marketing per i siti web di e-commerce

Anche gli e-commerce possono beneficiare degli user generated content ed ottenere ottimi risultati, tra questi:

  • Migliore posizionamento delle pagine sul motore di ricerca
  • Aumento del traffico organico
  • Maggiore tasso di conversione, fino al 75% sulle pagine dei prodotti
  • Aumento delle percentuali di clic di Google Ads fino al 20%
  • Riduzione dei costi di acquisizione dei clienti.

Come integrare gli UGC nella propria strategia di marketing

Assicurati di avere il tempo di guardare i contenuti creati dai tuoi utenti e di analizzarli, potrebbero aiutarti a migliorare la tua strategia di marketing. Ad esempio, potresti scoprire che i tuoi clienti utilizzano i tuoi prodotti o servizi in modi che non avevi considerato, oppure potresti notare che a loro piace usare i tuoi prodotti in combinazione con un altro prodotto. Questo potrebbe creare un’opportunità per te di collaborare con un altro marchio. D’altro canto, pensa alle immagini che ti aspettavi di vedere ma che gli utenti non hanno creato. Usa queste informazioni, o la mancanza di informazioni, per capire come le persone pensano ai tuoi prodotti e al tuo brand. Dai anche un’occhiata agli hashtag che le persone utilizzano. Infine, presta attenzione alla lingua che le persone usano nei loro post. Che tipo di parole usano quando parlano dei tuoi prodotti o servizi? Potresti scoprire nuovi modi di pensare o parlare della tua offerta che si allineano meglio con il modo in cui i consumatori già percepiscono il tuo prodotto o servizio. Gli UGC possono essere integrati nel tuo piano di marketing, quindi coinvolgi gli utenti e prevedi una landing page in cui farli atterrare e raccoglierne gli UGC.

Hai ancora dei dubbi? CONTATTACI subito! Ti aiuteremo ad elaborare un piano strategico e cercheremo di trasformare il traffico sul tuo sito e i contatti raccolti in clienti!

 

SEO e CRO, perché sono fondamentali per la strategia di lead generation

Come raggiungere gli obiettivi di lead generation dall’unione di SEO e CRO

La maggior parte dei professionisti del marketing ha un obiettivo in comune: ottenere più contatti. I lead, infatti, sono ciò che guida il business e costituiscono un fattore primario da tenere in considerazione nell’elaborazione della propria strategia. Tra tutte le strategie di lead generation esistenti, ce n’è una particolarmente efficace che è data dall’unione dell’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) e l’ottimizzazione del tasso di conversione (CRO).

 

Ormai la maggior parte delle aziende comprende l’importanza di essere presente nei risultati di ricerca organici per aumentare la brand awareness e indirizzare il traffico al proprio sito web. Tuttavia, il traffico senza conversioni è solo una metrica di vanità. Quando qualcuno fa clic su un risultato organico e arriva sul tuo sito web, dovresti domandarti che tipo di esperienza di navigazione sta vivendo. Il tuo sito è semplice da navigare? Le tue pagine web sono ottimizzate per guidare l’utente verso un’azione? In altre parole, l’ottimizzazione del tasso di conversione è il processo di ottimizzazione di una pagina web per guidare un utente verso un’azione desiderata. In genere, questa azione si presenta sotto forma di una conversione. Può trattarsi di una richiesta di demo, iscrizione a newsletter via e-mail, registrazione a webinar. L’idea è di invogliare l’utente a spostarsi più in basso nel funnel.

Contenuto e SEO vanno di pari passo

Quando un acquirente naviga su un motore di ricerca, desidera trovare contenuti che forniscano una risposta alla sua domanda. Per questa ragione, è importante creare contenuti che rispondano alla query di ricerca specifica dell’utente. Sebbene questo approccio alla creazione di contenuti sia efficace nel generare traffico organico, il CRO non si applica solo alle pagine di destinazione. Ci sono elementi di CRO che si applicano anche ai tuoi contenuti di lunga data. Quando pianifichi i tuoi contenuti e fai ricerche per individuare le parole chiave, assegna un obiettivo a ogni contenuto che pubblichi. Chiediti: “quale azione voglio che il lettore intraprenda quando arriva su questa pagina?” imposta questo obiettivo nel tuo calendario e incorporalo come CTA in ogni pagina che pubblichi. Come sempre, sii consapevole del lettore e della sua posizione nel funnel. Guida il lettore verso un’azione, ad esempio potresti invitarlo ad iscriversi alla tua newsletter.

L’esperienza utente (UX) al centro della SEO e del CRO

Se il tuo sito web è lento e difficile da navigare, influenzerà negativamente sia il traffico che le conversioni. L’obiettivo è perfezionare continuamente il tuo sito Web per garantire che chiunque vi acceda abbia un’esperienza di navigazione qualitativamente alta e aumentare così la probabilità di conversione. Una pratica fondamentale e molto diffusa tra i marketer specializzati in CRO è testare più varianti di una pagina web per determinare quale converte più velocemente. Puoi testare diversi tipi di moduli per i lead, pulsanti CTA e persino layout di pagina. Alcuni SEO specialist potrebbero essere riluttanti a eseguire test perché temono che influirà negativamente sulle classifiche organiche. La verità è che Google non solo incoraggia i test, ma ha anche un proprio strumento che aiuta i professionisti del marketing a eseguire split test. Finché rispetti le linee guida per i webmaster di Google, non dovresti vedere alcun impatto negativo di rilievo sul traffico organico dovuto ai test.

CRO e SEO in una relazione simbiotica nella generazione di traffico

SEO e CRO possono aiutarti a identificare e correggere eventuali lacune nella tua canalizzazione. Supponiamo che tu abbia una pagina di prodotto che si colloca al primo posto per la sua parola chiave principale e genera molto traffico, ma quando analizzi i dati di conversione noti che solo una piccola percentuale di utenti che arrivano su quella pagina effettivamente converte. Questo è un segnale che qualcosa non va con la pagina. Potrebbe essere il messaggio, l’offerta o il modulo per i lead. Solo perché funziona per Google non significa che funzioni per il tuo pubblico. E la loro opinione è l’unica che conta. Supponiamo che tu abbia una pagina di prodotto che sta convertendo a un tasso elevato, ma noti che è una delle pagine con il traffico più basso del tuo sito. Probabilmente ci sono centinaia di potenziali conversioni che ti stai perdendo. Questo dovrebbe metterti in allerta e suggerirti di rivisitare il contenuto di quella pagina e identificare le opportunità per ottimizzarlo.

Se anche tu desideri trasformare il traffico sul tuo sito e i contatti raccolti in potenziali clienti ma non sai come fare, CONTATTACI! Ti aiuteremo ad elaborare una strategia di lead generation e a intercettare gli utenti interessati a ciò che offri!

 

Google rimanda la rimozione dei cookie al 2023

Google ha comunicato che la rimozione graduale dei cookie di terze parti nel suo browser Chrome verrà rinviato da gennaio 2022 alla fine del 2023

Lo scorso mese di marzo, Google aveva annunciato che non avrebbe più venduto inserzioni pubblicitarie ai propri clienti dopo aver tracciato il comportamento degli utenti sui siti, e che avrebbe quindi bloccato i “cookie di terze parti” dal 2022. Il 24 giugno invece ha annunciato che verrà spostato di un anno il termine ultimo per eliminare, o meglio, rielaborare questa tecnica utilizzata da anni nel settore pubblicitario per monitorare e tracciare le abitudini di navigazione sul web degli utenti e mandare quindi loro annunci mirati. Questa decisione, quindi, dà la possibilità ad aziende e inserzionisti di adattarsi e prepararsi al nuovo scenario cookieless con anticipo. Tuttavia, è necessario che le aziende definiscano una strategia di raccolta ed analisi dei dati di prima parte al fine di migliorare la misurazione e le performance delle attività di business.

 

Quali conseguenze si avranno sullo sviluppo del mercato?

Non sarà un’unica soluzione a sostituire i cookie di terze parti ma si stanno sviluppando nuove soluzioni per consentire agli inserzionisti di fare advertising rispettando la privacy dell’utente: dal delivery, alla misurazione, al targeting. Il tema della privacy, della qualità e della ownership dei dati è comunque legittimo e centrale e l’azione di Google ha sicuramente evidenziato l’importanza dei data asset di prima parte dei brand. È importante riuscire a garantire che i dati vengano raccolti con il consenso delle audience e che in seguito ci sia maggiore controllo su dove e quando vengono condivisi con gli acquirenti.

FLoC: la nuova tecnologia che verrà implementata in Google Chrome

La tecnologia Google che andrà a sostituire i cookie è FLoC, Federated Learning of Cohorts, un nuovo sistema di tracciamento che mira a suddividere gli utenti in gruppi, i cosiddetti Cohorts, che condividono interessi, gusti e comportamenti simili. A differenza di ciò che accade con i cookie, le informazioni raccolte con FLoC non verranno mai messe in condivisione e questo impedirebbe l’identificazione dei singoli utenti. Inoltre, le informazioni verranno elaborate sul dispositivo anziché essere trasmesse sul web. Chrome potrebbe quindi eliminare gradualmente i cookie di terze parti nell’arco di un periodo di tre mesi, cominciando verso metà del 2023 fino alla fine dell’anno con l’obiettivo di non compromettere i modelli di business dei publisher che offrono contenuti fruibili grazie alla pubblicità. È chiaro che si tratta di una trasformazione profonda, da cogliere ripensando al modo in cui si crea valore per l’utente con i propri servizi e contenuti, cercando di stabilire una relazione di conoscenza e fiducia molto più trasparente e paritaria.

 

RICHIEDI ORA LA TUA CONSULENZA PERSONALIZZATA! CONTATTACI!

Raccontaci la tua idea, la trasformeremo in progetto.

Raccontaci la tua idea,
la trasformeremo in progetto.

Compila il form o chiamaci allo +39 02 89745373