La comunicazione ai tempi del Covid. Come i Brand possono affrontare l’emergenza Coronavirus

Vogliamo provare a vedere i lati positivi dell’emergenza Covid?
Questa quarantena forzata ci concede – perlomeno – l’occasione di effettuare qualche ragionamento e qualche ricerca attorno alle possibilità che hanno i Brand per affrontare l’emergenza coronavirus.
Abbiamo preparato per voi un vademecum di “best practice” da seguire durante questo periodo un po’ straniante.
Partiamo?

  • Intensificate il dialogo con i vostri clienti. Non sparite e non abbiate paura di manifestarvi. Facebook suggerisce che una comunicazione costante e premurosa sarà gratificante non solo nel breve periodo, ma addirittura sul medio-lungo.
  • Sempre l’Over the Top di Menlo Park registra come gli e-commerce abbiamo aumentato il numero di mail che conducono e seguono una transazione. Se i clienti ricevono in media una mail di accompagnamento alle loro azioni, alcuni siti in questi giorni stanno prestando una maggiore attenzione, comunicando e orientando di più i consumatori. Un esempio? L’aggiornamento in tempo reale dell’ordine: “stiamo preparando il tuo acquisto”, “i prodotti sono in consegna”, “il tuo ordine è sulla strada di casa tua”, eccetera.
  • Prepara un articolo per il tuo blog/magazine aziendale in cui descrivi in che modo viene affrontata la crisi. Agevolane la fruizione attraverso un banner ben visibile all’interno del tuo sito che linki direttamente il contenuto.
  • I Brand possono fare una Facebook o Instagram live dove rassicurare e interloquire con i propri clienti e dove parlare dell’argomento Covid cercando di portare all’interno della discussione il proprio autorevole punto di vista.
  • I Brand dovrebbero mostrare quanta attenzione e quanta cura stanno applicando al flusso di vendita e alla logistica interna dei prodotti, non soltanto all’eventuale produzione e imballaggio. In questo momento la sensibilità è massima: mostra le precauzioni igienico sanitarie che sei solito adottare lungo tutta la filiera a prescindere dal comparto in cui lavori.
  • I Brand dovrebbero inoltre esplicitare come funziona la propria catena di approvvigionamento e secernere i passaggi, mostrando come siano tenuti “virus free”.
  • Può essere un’idea quella di dedicare tempo e risorse al pensiero in prospettiva e preparare un “piano di crisi” che mostri quali azioni effettuare adesso per avvantaggiarsi in futuro qualora un’emergenza (la stessa oppure una diversa) dovesse manifestarsi di nuovo.
  • Può essere questo un momento per rinegoziare i nostri accordi con i player della nostra filiera? Intervenire sulla logistica? Oppure sulla catena di approvvigionamento?
  • Guardiamo anche alle strategie di magazzino. Le nostre forniture possono sostenere una potenziale crescita di domanda? Ricordiamoci che le persone oggigiorno acquistano maggiormente in rete rispetto ai negozi fisici.
  • I Brand sono chiamati a mostrare il proprio punto di vista e le policy aziendali in tempi di crisi. Come mantenete voi stessi e i vostri dipendenti al sicuro? Quali accorgimenti sono messi in atto per ridurre il rischio?
  • I Brand stanno facendo qualcosa di concreto all’interno della propria comunità o del proprio territorio per prevenire o affrontare la crisi? State aiutando medici, ospedali, operatori sanitari, associazioni? Questa comunicazione non deve avvenire per scopi di marketing – ovviamente – ma per restituire ai vostri clienti la misura del vostro coinvolgimento. Attenzione. Questa azione di comunicazione è da maneggiare con estrema cautela. La delivery del messaggio vuole dimostrare un impegno concreto, una umile leadership volta a “guidare la via” in un momento difficile e non vanità oppure strumentalizzazione di una situazione drammatica.

Top 500+ 2018: la classifica delle aziende di Monza e Brianza

Lunedi 3 dicembre è stata presentata presso la splendida Villa Reale di Monza la classifica Top 500+ edizione 2018, che è in edicola con il CittadinoMb giovedì 6 e sabato 8 dicembre.

Protagoniste ben 800 realtà imprenditoriali della provincia di Monza e Brianza con un fatturato che va da 8,5 milioni fino addirittura a 3,2 miliardi di euro, per un fatturato complessivo record di 48,2 miliardi euro.

Sicuramente ha destato molto interesse l’intero progetto Top 500+: la ricerca e l’analisi dei dati economico-finanziari realizzato dal Centro studi Assolombarda che, grazie all’analisi condotta sui bilanci 2017, ha attestato ancora una volta che la Brianza è uno tra i principali distretti manifatturieri d’Europa.

Ad aprire le “danze” è stato il sindaco di Monza Dario Allevi , succeduto da Carlo Edoardo Valli (vicepresidente di Camera di Commercio Mi, MB, Lodi), e poi dagli interessantissimi interventi di Valeria Negri del Centro studi di Assolombarda, che ha presentato la metodologia della ricerca e Francesco Ferrara di Pwc Italia.

All’evento di presentazione erano presenti il sottosegretario alla presidenza del consiglio Giancarlo Giorgetti, Andrea Dell’Ort, Fabrizio Sala ( vicepresidente di Regione Lombardia) , Luca Manzoni (responsabile corporate di Banco Bpm), Giovanni Andrea Toselli (AD di Pwc Italia) che sono stati protagonisti della tavola rotonda, moderata da Antonio Calabrò, vicepresidente di Assolombarda e presidente dell’Editoriale il Cittadino.

Focus della serata è stata la ricerca, presentata da Valeria Negri, che ha evidenziato i risultati sorprendenti del 2017, con l’aumento della produzione industriale del +3,0% (contro il +1,1% del 2016) e la crescita dell’export del +11,6%.

Il fatturato complessivo delle aziende brianzole scatta da 45 a 48,2 miliardi di euro, segnando un +7,1% rispetto ai bilanci presentati nel 2016.

L’ EBITDA sul fatturato mediano passa da 5,7% a 6,1% e il ROE è stato registrato in aumento: da 10,5% a 10,8%.

Un dato che sicuramente da conforto agli imprenditori è sicuramente quello relativo alla crescita della percentuale di aziende in utile, che va dall’86% all’88%.

La classifica delle aziende più virtuose vede al primo posto la Esprinet S.p.A., seguita da BASF Italia S.p.A, , STMicroelectronics S.r.l., Decathlon Italia S.r.l., Candy S.p.A (Monza), Roche S.p.A (Monza).

Classifica prime 10 aziende Monza Brianza 2018

A completare i primi 10 posti della classifica sono state il Gruppo Fontana, la SOL S.p.A di Monza, la Vender S.p.A di Brugherio e la Agrati S.p.A.

Ha concluso i lavori il presidente di Assolombarda, Carlo Bonomi, con un interessantissimo discorso, all’interno del quale non sono mancate critiche al governo attuale.

Rivedi il video integrale dell’evento del 3 dicembre.

 

Raccontaci la tua idea,
la trasformeremo in progetto.

Compila il form o chiamaci allo +39 02 89745373