Logo Digi Tools
Cerca
Close this search box.

Dati strutturati per i siti delle PMI, perché implementarli?

Cosa si intende quando si parla di dati strutturati? E perché è fondamentale implementarli su un sito di una PMI?

Negli ultimi cinque anni molte delle nuove funzionalità della SERP di Google sono state guidate dall’uso dei dati strutturati provenienti da tutto il Web: da Google for Jobs a Google Shopping, passando per le schede di ricette e i rich snippet, queste funzioni includono tutte contenuti di siti che hanno implementato dati strutturati.

Questo la dice lunga su quale sia l’importanza di considerare l’implementazione dei dati strutturati per il sito web della propria PMI. Ma cosa sono i dati strutturati? E perché è necessario dare priorità alla loro implementazione?

Cosa sono i dati strutturati?

Quando si parla di dati strutturati inerenti un sito web si intende quel mezzo che permette di definire il contenuto con un insieme uniforme di nomi e valori, così che bot e macchine possano leggere, indicizzare, comprendere e presentare al meglio tale contenuto.

Gli structured data rappresentano quindi delle meta-informazioni che vengono inserite manualmente nel codice HTML di una pagina web, di modo da fornire dati aggiuntivi sui siti e sulle pagine e permettere ai motori di ricerca di indicizzare e classificare meglio il loro contenuto.

Per comprendere ancora meglio cosa si intende con il termine dati strutturati considerali come delle informazioni (dati) che sono organizzate (strutturati) e che diventano comprensibili agli occhi dei motori di ricerca. Grazie a tali dati Google e gli altri search engine riescono a navigare meglio un sito, comprendendo le relazioni delle pagine e valutandolo meglio, attraverso l’abilitazione della visualizzazione come risultato multimediale nei risultati di ricerca.

Nel 2011 Google, Microsoft, Yahoo e Yandex hanno pensato di creare un gigantesco vocabolario dal nome schema.org. In questo sito si trovano tutti gli schemas, ovvero i tipi di dato, che sono riconosciuti dai motori di ricerca. In schema.org sono indicate anche le forme con cui il messaggio può essere scritto, ovvero micro data, RDFa e JSON-LD, quest’ultima forma è consigliata da Google.

Google ha inoltre messo a disposizione un utilissimo tool, il Test dei risultati multimediali, che testa la tua pagina accessibile pubblicamente per vedere quali risultati multimediali possono essere generati dai dati strutturati della pagina stessa.

Perché le PMI devono implementare i dati strutturati sui siti?

I dati strutturati non sono un fattore di rank diretto. Tuttavia utilizzare e implementare i dati strutturati sul sito web della tua PMI è importante per due ordini di motivi:

  • Per avere la certezza che il messaggio arrivi in modo corretto al destinatario, ovvero ai motori di ricerca.
  • Per accedere agli Rich Snippet, ovvero degli snippet che hanno degli elementi visivi in più, come ad esempio le ricette, il prodotto o la review.

Per le PMI, l’utilizzo e l’implementazione dei dati strutturati può sicuramente rappresentare un vantaggio in termini di visibilità in SERP. Ma non solo:

  • Potresti superare i tuoi concorrenti locali, perché molti devono ancora incorporare i dati strutturati nei loro siti.
  • Lo schema dei dati strutturati è scalabile, quindi ogni volta che creerai una nuova pagina di elenco prodotti, ad esempio, avrà già incorporata l’ottimizzazione.

Adottare un approccio strategico, che abbia come obiettivo quello di implementare i dati strutturati per il sito della tua PMI, ti permette di rimanere competitivo sui motori di ricerca e di incrementare di conseguenza conversioni e vendite.

Scopri ora come creare la giusta strategia per il sito web della tua PMI!

 

Condividi

Facebook
LinkedIn

Raccontaci la tua idea,
la trasformeremo in progetto.

Compila il form o chiamaci allo +39 02 89745373