Growth hacking per l’e-commerce

Il growth hacking suona come qualcosa di difficile, quasi un dominio esclusivo delle startup. Ma le startup che hanno sfruttato al meglio il growth hacking, come Airbnb e Spotify, hanno utilizzato queste  tattiche al meglio e sono diventati alcuni dei marchi più grandi e conosciuti al mondo. Scopriamo come hanno fatto e come queste tattiche si possono applicare all’e-commerce.

Qualsiasi azienda, di qualsiasi dimensione, in quasi tutti i settori, può fare lo stesso. Richiede solo un po’ di creatività.

E mentre le strategie di growth hacking per l’e-commerce possono impiegare tattiche tecniche (ovvero, digitali, basate sulle prestazioni web o SEO), alcune delle azioni di accompagnamento più efficaci sono di base e personali, mentre altre possono essere generali e non mirate.

Quando si costruisce un piano di marketing per l’e-commerce, alcuni dei touchpoints e delle conversioni più significativi che le aziende possono generare derivano dall’aggiunta di un tocco personale o semplicemente dall’essere più visibili nel mondo. Il successo deriva dalla ricerca del giusto mix di tattiche di growth hacking per la tua azienda.

Uno dei migliori consigli di marketing per l’e-commerce che puoi applicare è non escludere mai nulla.

Che si tratti di una campagna di marketing e vendita end-to-end completamente integrata o semplicemente di aggiungere una nota scritta a mano in ogni ordine del cliente, il growth hacking consiste nel trovare ciò che funziona per te, grande o piccolo che sia.

Dovrebbe contribuire a un aumento salutare delle vendite o del numero di lead di qualità e promuovere la fidelizzazione dei clienti, ovvero ridurre l’abbandono in modo che la crescita rifletta la crescita reale piuttosto che recuperare il terreno perso.

Che cos’è il growth hacking per l’e-commerce?

“Growth hacking” è un termine frainteso. Molte agenzie creative, società di marketing digitale e sedicenti guru del growth hacking lo definiranno in modo più restrittivo possibile, invece di adattarlo a tutti i business.

E sebbene il growth hacking non sia casuale come un approccio “lancialo contro il muro e vedi cosa si attacca”, sebbene proverai una serie di cose diverse e potenzialmente nuove, merita una definizione più completa.

Il growth hacking

Abbiamo precedentemente definito il growth hacking come segue:

“Il growth hacking è esattamente quello che sembra: i tuoi sforzi di marketing, indipendentemente da ciò che sono, dovrebbero innanzitutto essere concentrati su come raggiungere la crescita, ad es. nuovi lead, registrazioni, iscritti, conversioni, clienti, vendite, ecc. ”

Il growth hacking per l’e-commerce

Estendendo questa definizione precedente in modo più specifico alla vendita online, il growth hacking per l’e-commerce applica l’intera gamma di iniziative di marketing pertinenti e tattiche di crescita a una data strategia di growth hacking per aumentare le vendite dell’ecommerce e altri indicatori delle prestazioni.

La strategia per la crescita ci riporta ancora una volta alle basi:

  • sfidare le tue ipotesi esaminando i dati sulle prestazioni
  • acquisire un pubblico più approfondito o dati sui clienti per ottenere una migliore comprensione delle loro esigenze
  • mappare i loro percorsi e identificare un profilo di cliente ideale

Senza questi fondamenti, è difficile prendere decisioni basate sui dati su tutto, dalle tattiche di acquisizione dei clienti a come e dove commercializzare i tuoi prodotti o servizi.

Growth hacking: i soliti sospetti

Poiché l’approccio standard è di solito una serie di esperimenti rapidi e veloci, la spina dorsale del growth hacking è stata di natura digitale. Un approccio esclusivamente digitale è spesso troppo restrittivo, ma è la chiave del mix e quindi importante da comprendere e abbracciare.

Alcune tattiche di hacking della crescita digitale popolari ed efficaci includono (ma non sono limitate a):

  • Home page o landing page personalizzate
  • Testimonianze e recensioni di clienti reali
  • A/B test di tutti gli elementi visivi e di contenuto
  • Exit intent popup
  • Acquisizione continua delle email
  • Live chat
  • Analisi user experience, ad es. tempi di caricamento della pagina, ecc.
  • Offerte di sconti / coupon per acquisti ripetuti
  • Programmi fedeltà e vantaggi con offerte esclusive

Queste e molte altre attività e test genereranno molti dati e aiuteranno a ottimizzare la copertura e il successo della campagna. Se fatti correttamente, sono gli attrezzi d’oro in qualsiasi cassetta degli attrezzi di e-commerce marketing. Tuttavia, non è sufficiente.

La cosa sorprendente del growth hacking è che non è tutto digitale. Alcuni dei migliori suggerimenti per l’ottimizzazione dell’e-commerce che abbiamo visto avere successo si trovano a due estremità dell’estremo offline.

Growth hacking sorprendente: due tattiche opposte ma ugualmente da considerare

Il percorso del cliente dell’e-commerce è notoriamente difficile da mappare. I viaggi dei clienti sono notoriamente tortuosi, in quanto non sono lineari, non sempre completamente online, attingono a più dispositivi e talvolta possono essere di natura intermittente.

Questa complessità rende difficile non solo creare modelli di attribuzione accurati per ottenere un quadro migliore di dove i clienti “convertono”, ma quali tipi di attività di marketing richiedono un’azione: cosa fanno i clienti prima di “convertire”? Ciascuno di questi passaggi può contribuire in modo significativo alla conversione finale; ponderare adeguatamente la loro influenza è un suggerimento chiave per potenziare la crescita dell’e-commerce.

Analizziamo più a fondo questa complessità e vediamo come gli sforzi di growth hacking possono essere a due estremità opposte, sia nella forma che nei risultati, ma ugualmente super efficaci!

Rendi il tuo messaggio personale

Abbiamo chiarito il punto: il potenziamento delle strategie di marketing online basate sui dati può comportare numerose tattiche offline. I meno costosi e più efficaci di questi includono tocchi personali e attenzione personalizzata.

Può trattarsi di qualsiasi cosa, dall’inclusione di una nota personale scritta a mano scritta per accompagnare ogni ordine al momento della spedizione, all’inserire un piccolo gettone, come una caramella prodotta localmente, all’interno dell’ordine.

Questi piccoli passaggi sono enormi fattori di differenziazione che consentono al cliente di sapere che c’è un essere umano dall’altra parte della transazione che lo vede come un individuo e si preoccupa della sua attività.

Pensa in grande

All’altra estremità troviamo una tattica sicuramente molto più costosa dei tocchi più personali del growth hacking, anche se entrambe mirano ad acquisire un pubblico molto più ampio. Queste attività non solo attingono ad alcuni dei comprovati vantaggi del marketing, come la creazione di consapevolezza e visibilità, ma rafforzano anche il brand.

Abbiamo visto aziende di e-commerce, ad esempio, sfruttare il potere della pubblicità televisiva locale. La visibilità e il marchio non sono sempre top-of-mind quando si pensa al growth hacking, ma a volte la crescita dipende dal nome o dal riconoscimento visivo di un determinato marchio.

Growth hacking: scegliere il giusto mix

Le tattiche di marketing online e offline possono essere preziose per supportare le strategie di growth hacking dell’e-commerce.

Il trucco è ottenere il giusto mix e riconoscere che questo può mutare, quindi è sempre un lavoro in corso.

Scegliere il giusto mix dipenderà dal target a cui ti stai rivolgendo, da cosa vuoi che facciano, da cosa vuoi ottenere per poi testare, misurare e ottimizzare le strategie di marketing online e offline.

Sei pronto a scegliere il tuo mix di growth hacking? Proviamo a parlarne insieme? CONTATTACI!

 

Condividi

Facebook
LinkedIn

Raccontaci la tua idea, la trasformeremo in progetto.

Raccontaci la tua idea,
la trasformeremo in progetto.

Compila il form o chiamaci allo +39 02 89745373