Logo Digi Tools
Cerca
Close this search box.

Come utilizzare i dati dell’e-commerce per una migliore user experience

L’utilizzo dell’analisi dei dati per informare tutto, dalla data strategy al marketing e ai piani di crescita, è fondamentale.

Per le società di e-commerce, i dati di clienti, visitatori e transazioni esistono in abbondanza.

Sfruttare questi dati per la loro massima comprensione contribuisce alla creazione, al miglioramento delle strategie di marketing e allo sviluppo della comprensione dei clienti e del cosiddetto “customer journey”.

Spesso esiste il problema che l’esperienza dell’utente (UX), e il design in particolare, non siano strettamente intrecciati con i dati.

È così: il design è fondamentale per l’esperienza dell’utente e non è indipendente dai dati.

Cosa c’entra il design con l’esperienza dell’utente?

Il design dovrebbe essere parte integrante della tua data strategy, sia per capire come si comporta il tuo progetto e come rispondono gli utenti, sia per valutare cosa succede quando modifichi gli elementi di design.

Gli elementi più visibili e interattivi del tuo sito possono e devono svolgere un ruolo chiave nel modo in cui comprendi il comportamento degli utenti e il processo decisionale.

Un certo numero di chief data officer aziendali consiglia di applicare il design thinking allo sviluppo della data strategy, creando essenzialmente un processo ciclico: i dati, compresi quelli comportamentali e le azioni dei consumatori, guidano la data strategy, che evolve continuamente man mano che vengono generati più dati.

Gran parte di questi dati riguarderà le interazioni dell’utente con gli elementi di design visivo e il content marketing, come la user interface (UI), le pagine di destinazione, i moduli e i menu a discesa e quanto siano attraenti, facili da usare, intuitivi e utili questi elementi.

Senza dati, come saprai cosa funziona meglio e come puoi migliorare in modo efficace l’esperienza dell’utente?

Creare un percorso guidato dai dati è la strada per ragionare “customer first“, nel marketing, nella progettazione / sviluppo del prodotto, nello sviluppo dei contenuti, nel targeting, ecc. – e mettere al primo posto il cliente o il potenziale cliente è ciò che si intende come user experience.

Cos’è il data driven design?

Il data driven design è costituito da dati e progettazione che si uniscono insieme, tanto è che si può parlare di data driven UX.

In che modo i dati forniscono valore, cosa possono dirci che migliorerà l’esperienza degli utenti e il motivo per cui compiono determinate operazioni?

Un approccio diverso alla progettazione dell’esperienza utente si discosta dal flusso della UX tradizionale, che è in gran parte statico e spesso basato su osservazioni e ipotesi.

Il data driven UX infatti incorpora elementi dinamici e adattivi per attivare i dati nelle implementazioni del mondo reale.

Come possono i dati confluire in prodotti “user centered” ed in esperienze “human centered”?

Il design non riguarda solo l’aspetto delle cose e quanto sono attraenti. Con il progresso della tecnologia, il design coinvolge diversi dispositivi, tipi di schermo, dimensioni e risoluzioni e deve coinvolgere attivamente gli utenti. Ma il design è fondamentalmente una prerogativa umana: a cosa rispondono le persone?

Per essere in grado di generare coinvolgimento e interattività, il design deve essere informato da dati effettivi sull’utilizzo e impiegare dati di usabilità per targetizzare gli utenti, che possono solo migliorare l’esperienza e sollecitare conversioni e acquisti.

In sintesi:
Sviluppo delle “personas”: utilizzare i dati per segmentare meglio il pubblico e scoprire chi ha già visitato il tuo sito o chi ha utilizzato il tuo prodotto? Chi sono i tuoi destinatari e i loro attributi? Chi è l’utente ideale?

Comprensione del comportamento: in che modo gli utenti interagiscono? Quali attività stanno completando sul tuo sito rispetto a quello che vuoi che facciano? Come vuoi che si impegnino? Quanto tempo viene dedicato al coinvolgimento?

User interface e flusso del “customer journey”: il design (aspetto grafico) può essere molto importante qui; l’interfaccia utente influenza i passaggi che un utente compie nel suo viaggio.

I dati possono aiutarti a capire dove gli utenti stanno intraprendendo azioni, dove stanno abbandonando il processo, quanto tempo trascorrono su schermi diversi in un processo, ad esempio in un percorso di acquisto. Forse il checkout non è intuitivo, forse le opzioni di spedizione e i costi non sono trasparenti o il design non intuitivo del viaggio nel suo insieme può influenzare il comportamento di un cliente.

Aspettative / intenti dell’utente: in che modo il design rivela l’intento dell’utente? Al contrario, come possono i dati informare e aiutare ad anticipare le aspettative degli utenti?

Come puoi integrare i dati nella progettazione per ottenere una UX basata sui dati?

Pensiamo agli esempi di progettazione basata sui dati, ovvero ai modi in cui i dati possono essere utilizzati per differenziare e creare esperienze utente uniche.

Attingere ai contenuti adattivi

In un’epoca di contenuti ed esperienze sempre più personalizzati, il contenuto adattivo è al centro di questo tipo di sforzi e può aggiungere un enorme valore alle iniziative di content marketing.

Il contenuto adattivo alimenta direttamente esperienze utente migliori poiché mira a fornire contenuti pertinenti e mirati agli utenti al livello più individuale possibile, come se fosse fatto su misura solo per il destinatario.

Il contenuto essenzialmente adattivo offre un’esperienza unica a ciascun utente. Niente più “spray-and-pray” ad alto volume, marketing e contenuti generici e statici. Invece, puoi utilizzare i punti dati dalle azioni intraprese da un utente per creare un’immagine dei loro bisogni, desideri, personalità (ad esempio, dallo sviluppo di personaggi più generici a visualizzazioni più granulari del singolo cliente) e adattarti di conseguenza.

Quali tipi di adattamenti? Ad esempio, puoi adattare l’interfaccia utente, le immagini e i contenuti che gli utenti ricevono in base alle loro attività e attributi in corso, come persona (chi è?), dispositivo (quale dispositivo, quale sistema operativo?) e contesto (quale posizione, intento ?).

Ciò può portare a tutti i tipi di adattamenti dei contenuti, inclusa la sostituzione dinamica del testo, immagini più pertinenti, informazioni basate sulla posizione e altri cambiamenti basati su dati comportamentali o basati sui cookie. I contenuti adattivi possono includere vari esempi, che vanno dalle informazioni meteorologiche locali in banner, pubblicità in lingua locale / basata sulla posizione, istruzioni specifiche o testo su misura per il tipo di dispositivo utilizzato e altre informazioni contestuali reattive e coinvolgenti sui canali.

Tutti questi sforzi si combinano per aumentare le conversioni in modo esponenziale (da 3 a 10 volte di più) e creare un’esperienza utente coinvolgente e appiccicosa.

Attingere all’hacking della crescita dell’e-commerce

Il Growth Hacking è esattamente quello che sembra: i tuoi sforzi di marketing, indipendentemente da cosa siano, dovrebbero innanzitutto essere concentrati su come raggiungere la crescita, ad es. nuovi contatti, registrazioni, iscritti, conversioni, clienti, ecc.

È possibile introdurre una serie di tattiche di crescita in una strategia di crescita dell’e-commerce per guidare queste metriche fondamentali, eccone alcune:

  • Creare home page o landing page mirate e / o personalizzate
  • Evidenziare esperienze dei clienti, testimonianze e recensioni pertinenti
  • Eseguire A/B test delle pagine del sito, inclusi i vari titoli, testi, immagini, utilizzo di video, lunghezza di testo o video, ecc.
  • Utilizzare pop-up per iscriversi a determinate attività o all’uscita da una pagina / sito
  • Suggerimenti di cross-sell e up-sell in base ai dati di acquisto
  • Retargeting degli annunci e monitoraggio delle prestazioni
  • Campagne stagionali o limitate nel tempo su misura per l’utente
  • Aggiungere un popup di chat / conversazione dal vivo per interagire con gli utenti
  • Pensare costantemente e attivamente agli elementi visivi: fai risaltare visibilmente pulsanti e offerte
  • Concentrarsi sulla fornitura di prestazioni elevate, anche se gli utenti non se ne accorgeranno a meno che le prestazioni non stiano andando bene. Ad esempio, i tempi di caricamento della pagina, che influenzano quanto gli utenti permangono nella pagina, interagiscono con la pagina, convertono. Allo stesso modo l’ottimizzazione delle pagine per una navigazione fluida contribuirà in maniera efficace all’aumento delle prestazioni complessive e dell’esperienza utente.

Fornire un’esperienza utente progressivamente migliore

La complessità dell’esperienza utente non è da sottovalutare.

I consumatori si aspettano sempre di più e si aspettano di compiere esperienze di navigazione personalizzate.

La progettazione deriva dai dati e dalle intuizioni dell’esperienza utente e si evolve costantemente per offrire un’esperienza utente in continuo miglioramento.

L’utilizzo dei dati del tuo e-commerce per creare una migliore UX richiede un’efficace analisi di dati per approfondire i comportamenti e le interazioni degli utenti, il nostro team è a tua disposizione per fornirti, oltre la consulenza, anche le strategie e le tattiche migliori per avere successo.

Attiva i dati del tuo e-commerce con una efficace data strategy

L’attivazione dei dati aiuta a potenziare e ottimizzare il tuo data driven marketing e ad aprire nuove opportunità di analisi di marketing.

Come dice il vecchio assioma, il cliente ha sempre ragione oppure possiamo dire anche che il cliente ha tutto il potere nelle sue mani.

Nella relazione rivenditore-consumatore, i consumatori hanno il vantaggio di avere numerosi concorrenti online (e offline) che cercano di catturare la loro attenzione con offerte di marketing, pubblicità per invogliare i consumatori a fare acquisti e farli tornare nuovamente negli shop.

I rivenditori, tuttavia, in particolare in un’era di esperienze di acquisto sempre più basate sull’e-commerce, stanno guadagnando terreno perché le interazioni con i consumatori lasciano una scia di dati.

Parliamo di dati di e-commerce

Le aziende di e-commerce, grandi e piccole, conosceranno bene la ricchezza di dati generati nella sfera dell’online shopping.

Sarà anche chiaro che l’imperativo è utilizzare questi dati per comprendere i desideri, i bisogni, i comportamenti e i modelli comportamentali dei consumatori. In che modo questi attributi si traducono in conversioni, acquisti e fedeltà? E quali dati devi acquisire per ottenere e utilizzare queste informazioni?

A seconda del livello di dettaglio e del modo in cui raccogli i dati, puoi ottenere di tutto: da un’ampia visione del tuo sito, delle prestazioni e della popolarità del coinvolgimento di prodotti e utenti, a informazioni quasi a livello di singolo cliente.

Allo stesso modo, puoi immergerti profondamente nelle conversioni e nele attribuzioni per scoprire più dettagli sul rendimento delle tue attività pubblicitarie e di marketing e per apportare miglioramenti basati sui dati.

Dal report di Emarketer emerge che le aziende riferiscono che dati ricchi e di qualità sono sia difficili da ottenere e spesso svincolati da una strategia di dati coerente.

Tutti i dati di e-commerce nel mondo non compenseranno la mancanza dei dati giusti, di un piano d’azione chiaro e di un’unica fonte di verità (ad esempio, una piattaforma di gestione dei dati).

 

Attivazione dei dati dell’e-commerce: ritorno alle origini

Da un punto di vista leggermente più pratico, una delle cose più importanti da capire quando pianifichi la tua strategia di attivazione dei dati per l’e-commerce è sapere come e da dove stai reperendo i tuoi dati e a quali domande hai bisogno di rispondere grazie a quei dati.

Cercare di generare approfondimenti prima di aver progettato e reso operativa la tua strategia sui dati è un compito stupido.

Senza comprendere i dati generati dalle azioni dei consumatori e le tendenze del mercato e senza definire una strategia su quali dati influenzeranno effettivamente le tue attività di marketing, non andrai molto lontano.

Quando attivi i dati, cosa devi fare o provare? Personalizzerai le offerte per i consumatori target? Proverai a ricostruire l’intero percorso del cliente e tutti i suoi punti di contatto? Sfrutterai le informazioni per la creazione e il posizionamento di contenuti dinamici per influenzare i consumatori? Le risposte a queste domande guideranno la tua strategia di attivazione; prima di tutto cerca di apprendere le nozioni di base e poi sarai più preparato a utilizzare i tuoi dati in modo organizzato, semplificato e più efficace.

Dall’attivazione dei dati alle opportunità di marketing

Le opportunità di analisi di marketing sono ovunque, nascoste in bella vista tra le montagne di dati generati dai consumatori. L’attivazione dei dati è la chiave per sfruttare l’opportunità di marketing e dipende, come accennato, dall’utilizzo dei dati in modo organizzato e semplificato.

È qui che le cose diventano un po’ più tecniche e tangibili in termini di gestione pratica dei dati.

I tuoi dati devono essere ospitati da qualche parte, ed è qui che entra in gioco una piattaforma di gestione dei dati (DMP).

Una DMP è una piattaforma che ti consente di unificare i tuoi dati da più origini (di prima e di terze parti) in un unico posto.

L’attivazione dei dati diventa possibile e più facile quando sei in grado di utilizzare i dati provenienti da tutti i tuoi canali e sorgenti all’interno di un’unica piattaforma integrata.

Esistono numerose DMP commerciali diverse, ma l’importante è che una DMP consente l’organizzazione e l’ottimizzazione in tempo reale, il che consente potenti opportunità pubblicitarie e di marketing.

È importante non sottovalutare l’efficacia di un’attivazione corretta dei dati. La sua natura in tempo reale può influenzare i risultati quando si utilizzano i dati per apportare modifiche “al volo”.

Pensiamo per un momento ad alcuni esempi in cui un’efficace attivazione dei dati può fare la differenza:

  • Ottimizza il “media buying” e il “media selling” con una maggiore precisione nel targeting e nelle decisioni di spesa
  • Genera e implementa annunci e contenuti dinamici per rispondere in tempo reale a ciò a cui i consumatori reagiscono o con cui interagiscono
  • Offri annunci / contenuti personalizzati e la capacità di ottimizzarne la pertinenza in base a dati in tempo reale

Meno statici e più in tempo reale sono i dati e la tua capacità di attivarli, più le opportunità di marketing saranno facilmente mostrabili e personalizzabili.

Efficaci strategie data driven per il successo del marketing

Questo approccio completo all’attivazione dei dati aiuta a sfruttare appieno le opportunità di marketing e, se fatto correttamente, fornisce gli strumenti per calcolare il ROI sulla spesa di marketing e valutare l’efficacia della strategia e delle attività implementate.

Questa comprensione, resa possibile da un’efficace attivazione dei dati, alimenta sia la continua fattibilità delle opportunità di marketing a tua disposizione sia la capacità di adattare e affinare la tua strategia e tattica di marketing basata sui dati in base a ciò che essi rivelano.

E tu sei pronto all’attivazione dei dati del tuo ecommerce? Siamo pronti ad aiutarti, CONTATTACI SUBITO!

 

L’e-commerce non vende, quali sono i motivi?

L’e-commerce non vende, quali sono i motivi?

Dal posizionamento sui motori di ricerca alla unique selling proposition, ecco alcuni motivi per cui un e-commerce non converte più.

Così come nella vita offline anche online il problema delle vendite può riguardare e-commerce appena nati oppure grandi portali esistenti da tempo. E quando il fatturato comincia a calare o non ci sono proprio guadagni una domanda sorge spontanea (e pressante): perché il mio e-commerce non vende

Ecco quali sono i motivi più comuni.

1. Il posizionamento sui motori di ricerca

Quando un’utente esegue la ricerca di un prodotto, generalmente nella prima pagina di Google compaiono quei siti che il motore di ricerca stesso premia in quanto ben ottimizzati e autorevoli. Se il tuo e-commerce non viene restituito come risultato nelle pagine del motore di ricerca allora è un po’ come se non esistesse, almeno agli occhi degli utenti.

Verificare quindi il posizionamento del sito e attuare di conseguenza degli interventi SEO, volti cioè a migliorare la struttura e l’ottimizzazione delle pagine dell’e-commerce per renderlo più “Google-friendly”, è un buon punto di partenza per cercare di recuperare o di far partire le mancate vendite.

2. La navigabilità

Quando si progetta e sviluppa un e-commerce è molto importante non lasciare nulla al caso. Tutto deve essere studiato e implementato affinchè gli utenti possano trovare quello che cercano il più facilmente e comodamente possibile. Generalmente il percorso di navigazione dell’utente su un sito web dovrebbe prevedere al massimo 3 clic fra l’atterraggio iniziale sull’e-commerce e la conversione finale con un acquisto.

Controlla quindi l’alberatura del sito, per verificare che non ci sia un numero eccessivo di sottocategorie, che le pagine di prodotto siano facilmente raggiungibili ed esaustive e che tutte le modalità per l’acquisto, nonché il prezzo dei prodotti, siano chiare, comprensibili e varie. Sulla navigabilità dell’e-commerce e il suo conseguente potere di conversione incide anche l’aspetto visuale: evita pop-up, banner e strutture invasive o fastidiose, di modo da far proseguire la navigazione dell’utente il più agevolmente possibile.

3. La unique selling proposition

Se l’e-commerce offre prodotti che sono già presenti anche sui siti di altri competitor allora è necessario affilare le unghie, facendo emergere un concetto: la unique selling proposition. Significa che, per trasformare un sito di prodotti in un e-commerce di successo, è necessario rendere chiaro e spiegare al cliente qual è la caratteristica (o le caratteristiche) che ti distingue rispetto agli altri e quali sono i vantaggi portati dall’acquistare sul tuo e-commerce.

4. L’affidabilità e la reputazione

Questi due concetti sono dei termini chiave se si vuole avere un sito che converta. Il tuo e-commerce, infatti, potrebbe non generare introiti perché potrebbe risultare come poco affidabile agli occhi degli utenti. Se non sono presenti i tuoi contatti, non è reperibile un numero di telefono per avere ulteriori informazioni, il sito non è in protocollo HTTPS e privacy policy e cookie non sono GDPR compliant allora più che invogliare gli utenti a comprare sul tuo e-commerce potresti spingerli a scappare.

Stesso discorso vale per la reputazione: recensioni, passaparola e presenza sui social sono diventate l’abc per farsi conoscere online. Una mancata “sponsorizzazione” dell’e-commerce sul web potrebbe avere come conseguenza proprio l’assenza di vendite. Valorizza e metti in luce le recensioni positive dei tuoi clienti soddisfatti e crea una buona presenza sui social media (non dimenticarti dell’attività di customer management) per far tornare a crescere il fatturato.

5. Old style

Se l’e-commerce è online ormai da diverso tempo è bene provvedere quanto prima a una bella rinfrescata. Il restyling è un’attività tanto complessa quanto utilissima, non solo per rimanere al passo con i tempi ma anche per dare nuova linfa vitale agli acquisti dei tuoi clienti. Una nuova veste grafica, il refresh dei testi delle landing e un innovativo layout potrebbero essere le carte vincenti per rendere il tuo e-commerce più prospero che mai.

Come far vendere il tuo e-commerce? Il ruolo di Digitools

Per far tornare o proprio far cominciare a vendere un sito web la nostra agenzia può essere quello che fa al caso tuo. In una fase iniziale viene effettuato un audit dell’e-commerce, con cui si analizzano aspetti come la UX e UI del sito, il posizionamento sui motori di ricerca, la pubblicità online, le attività di email marketing, l’analisi di dati e la creazione e promozione di contenuti.

Gli step successivi riguardano invece l’implementazione delle modifiche consigliate in fase di audit, l’impostazione di campagne SEO e SEM per acquisire nuovo traffico (e quindi nuovi potenziali clienti), la messa a terra e in pratica di una strategia di Content Marketing (per fare awareness) e la misurazione finale delle performance.

A che cosa porta tutto questo? Solo per fare degli esempi:

  • Miglioramento del Conversion Rate;
  • Diminuzione del costo di vendita e aumento dello scontrino medio;
  • Incremento del ROI;
  • Miglioramento della UX del sito;
  • Miglioramento del posizionamento organico dell’e-commerce.

CONTATTACI SUBITO per un audit personalizzato del TUO ECOMMERCE!

Che cos’è la data governance e perché è importante per l’e-commerce?

In tutti i settori, la data governance è un requisito fondamentale per guidare la raccolta e l’utilizzo delle enormi quantità di dati a cui le aziende hanno ora accesso.

Non è solo una misura protettiva, che riduce i rischi e garantisce la conformità con le iniziative di protezione dei dati, ma è anche un modo per capitalizzare il vero valore dei dati, soprattutto nell’e-commerce.

Le società di e-commerce hanno un accesso a una grande quantità di dati sui consumatori, dati personali, comportamentali e finanziari con l’obiettivo di utilizzare gran parte di questi per il marketing e il processo decisionale.

Oltre a salvaguardare questi dati, le società di e-commerce vogliono anche sviluppare piani di utilizzo dei dati sempre più sofisticati che consentano loro di comprendere i propri clienti nel modo più completo possibile.

Potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa, dagli algoritmi e motori di personalizzazione al marketing mirato, alla comprensione dei percorsi dei clienti e all’analisi del comportamento degli utenti.

Questi casi d’uso e i rischi che possono comportare richiedono un approccio attento alla protezione dei dati sensibili e alla messa in atto di processi per definire politiche, standard, qualità, sicurezza e ruoli dei dati, ovvero chi ha diritto a quali dati e in quali situazioni.

Queste considerazioni chiave portano alla creazione della tua strategia di data governance.

Cos’è la data governance?

La governance dei dati comprende il processo end-to-end per portare coerenza e organizzazione trasparente al modo in cui raccogli, elabori, mantieni, archivi e proteggi i dati nei sistemi aziendali.

La data governance va oltre la gestione dei dati di base, essa include definizioni di come raccogli e utilizzi i dati in modo responsabile, garantisce la qualità dei dati raccolti e dei processi di archiviazione che hai in atto per rendere i dati il ​​più sicuri possibile, in accordo alle normative sulla gestione dei dati, come il GDPR.

La tua strategia data governance sarà sostenuta dal tuo framework di gestione dei dati, che puoi considerare come un insieme di pilastri su cui si basa la tua strategia.

Un potenziale insieme di pilastri potrebbe assomigliare a questo:

  • PERCHE’ (fattori trainanti): si desidera stabilire fiducia nei dati, nella loro qualità e coerenza instillando una mentalità chiara incentrata sui dati. Per promuovere questa nuova mentalità, si desidera creare una serie di processi per la trasparenza, la responsabilità, la sicurezza e la conformità, nonché gli strumenti e l’accesso che aiuteranno il flusso dei dati ove necessario.
  • COSA (obiettivi): cosa deve includere il tuo programma di governance dei dati? Affronta la privacy e la sicurezza dei dati? Comprende controlli approfonditi di autorizzazione e accessibilità? Specifica le regole di raccolta, archiviazione, elaborazione e come queste operazioni vengono gestite nel tempo? I cicli di vita dei dati corrispondono alle tue necessità e al tuo utilizzo, nonché a quanto consentito dal punto di vista della conformità legale? La verificabilità è integrata?
  • CHI: quali team o persone sono coinvolti nel programma di governance dei dati in ogni fase? Definisci i ruoli: hai data scientist? Hai un data team? Il personale addetto al marketing ha bisogno di accedere alle piattaforme dati o solo ai rapporti sui dati? Le agenzie e i fornitori esterni interagiscono e richiedono l’accesso a queste piattaforme e sistemi? Chi sarà interessato dai programmi o dalle attività di governance dei dati? Anche queste relazioni con i dati e gli strumenti di dati devono essere mappate come parte della strategia di governance.
  • COME (strutture, strumenti e tecnologie): quali tipi di strutture e soluzioni devono essere introdotte per controllare la gestione dei dati, le autorizzazioni e l’accesso, monitorare la conformità e applicare la strategia di data governance?

Questi pilastri tengono conto di molte best practice, ma possono avere un aspetto diverso a seconda della tua attività e di ciò che desideri ottenere. In sostanza, lo scopo è identificare tutti i fattori che contribuiscono alla gestione e alla protezione delle risorse di dati della tua azienda.

Governance dei dati contro gestione dei dati

La governance e la gestione dei dati non sono la stessa cosa? Sebbene molte aziende guardino alla governance dei dati principalmente dal punto di vista del controllo normativo e delle politiche, dovrebbe includere anche la gestione dei dati, che è un sottoinsieme di una strategia di governance dei dati.

Lo sviluppo di una strategia di governance dei dati completa, come evidenziato in precedenza, dovrebbe essere considerato non solo come un’opportunità per garantire che i dati siano protetti, aderiscano alle politiche dei dati che hai impostato e non vengano utilizzati in modo improprio, ma anche come un’opportunità unica per cercare i dati qualità e integrità per semplificare il proprio lavoro e rendere più facile lavorare con i dati.

Quando si dispone di una chiara strategia che guida i dati raccolti e il motivo per cui li si raccoglie, la data governance è quasi un ripensamento.

La stessa gestione dei dati comprende gli aspetti tecnici della raccolta e dell’archiviazione dei dati, rendendola, prima di tutto, una disciplina IT.

Contribuisce alla strategia di data governance, ma è una pratica che include processi e sistemi: le soluzioni e gli strumenti che un’azienda utilizza per raccogliere, archiviare, organizzare, convalidare, elaborare e mantenere i dati per tutta la sua vita.

La gestione dei dati può includere la gestione dei dati, il data warehousing, l’architettura dei dati, la gestione della qualità dei dati, la sicurezza dei dati, tra una serie di altre categorie di gestione fisica e logistica dei dati.

Cosa sono i dati master e la governance dei dati master?

Un sottoinsieme di questi dati è costituito dai dati master ed è possibile creare un approccio separato alla governance dei dati master. I dati master sono i dati al centro di categorie o domini specifici che hai definito come fondamentali per la tua attività.

Con l’e-commerce, vorrai determinare queste categorie per assicurarti di disporre di dati coerenti e accurati che coprano ciascuna categoria principale. Per semplificarlo, la master data governance si riduce a mettere tutti sulla stessa pagina.

Lo sviluppo e la gestione dei dati master richiedono che tutti in un’organizzazione abbiano le stesse definizioni, politiche, regole, strumenti, processi e flussi di lavoro con cui lavorare.

Comprensione e applicazione delle migliori pratiche di governance dei dati

La governance dei dati è un imperativo strategico e un percorso verso notevoli vantaggi organizzativi per le aziende di e-commerce, tra cui:

  • Potenziali risparmi sui costi nella gestione dei dati
  • Maggiore valore e visibilità dei dati nell’organizzazione
  • Ridurre al minimo i rischi per la sicurezza e aumentare la privacy dei dati
  • Standardizzazione e accuratezza di dati, politiche, procedure e standard, per una più facile trasparenza e verificabilità
  • Migliore qualità dei dati per una migliore applicabilità nel marketing e nell’attività basati sui dati, come segmentazione dei clienti, approfondimenti sul loro comportamento e sul loro percorso, analisi delle conversioni, attribuzione, ecc.

Best practice per la data governance

Ogni azienda e i suoi obiettivi basati sui dati sono diversi, ma nel passaggio alla governance dei dati, ci sono una serie di best practice di base da considerare e su cui basarsi:

  • Ricordare che la data governance comprende tutti i fattori sopra elencati: persone, processi, metodi e tecnologie. Dovresti considerare tutti questi aspetti mentre sviluppi la tua strategia, ma non perderti nei dettagli.
  • Prima di iniziare questo processo, o di cambiarne uno esistente, vorrai comunicare e informare tutti i team e le persone interessati e ottenere feedback e riscontro. I tuoi dipendenti determineranno il successo della tua attività
  • Stabilire ruoli chiari: anche in questo caso con le persone, è necessario sapere chi guida il processo di governance e chi è a portata di mano con i dati, gestendoli e / o utilizzandoli.
  • Definisci i tuoi pilastri: come elencato sopra, capire perché, cosa, chi e come ti aiuterà a sviluppare la tua strategia di governance dei dati e iniziare a distribuirla.

La data governance non è facoltativa. Per le aziende di e-commerce che si affidano a dati granulari per fare marketing basato sui dati, prevedere le tendenze, comprendere la gestione dell’inventario, comprendere i percorsi dei clienti e gli acquirenti e altri casi di analisi avanzata, la data governance è essenziale.

Ti consente di fornire ai tuoi team politiche chiare e coerenti e l’accesso ai dati chiave, proteggendo allo stesso tempo i dati sensibili e garantendo la conformità normativa.

Pronto per discutere con noi le tue strategie di data governance? CONTATTACI SUBITO!



	

L’export digitale raggiunge i 9,2 mld di euro, +23% nel 2017

L’Osservatorio Export della School of Management del Politecnico di Milano ha presentato, in occasione del convegno “Export digitale: a ciascuno il suo canale!”, dei dati molto interessanti relativi all’Export digitale italiano.

Le statistiche parlano di un Export digitale dal valore complessivo di 9,2 miliardi di euro per il 2017, un trend in evidente crescita rispetto all’anno precedente, pari a +23%.

La cifra indicata deve essere distinta tra Export online diretto e indiretto, cerchiamo dunque di capire di cosa si tratta.

 

Export online diretto: di cosa si tratta?

L’Export online diretto corrisponde al commercio che le imprese italiane effettuano tramite e-commerce di proprietà, dunque gestiti autonomamente dal produttore, tramite e-commerce di rivenditori italiani oppure attraverso i grandi marketplace del commercio elettronico che hanno anche una sede italiana, come Amazon ed eBay, o ancora retailer multicanale come LuisaViaRoma o Yoox Net-A-Porter Group.

L’Export online diretto ha fatto registrare, nel 2017, un valore pari a 2,3 miliardi di euro, cifra che corrisponde al 25% del totale.

L’Export online indiretto, ovvero quello più diffuso

Il 75%, dunque la più grossa “fetta” dell’Export digitale italiano, riguarda invece l’Export online indiretto, il cui valore è risultato pari a 6,9 miliardi di euro.

Questo tipo di Export riguarda le vendite di prodotti italiani che si concretizzano in retailer stranieri, ovvero ad esempio nell’ambito di marketplace quali Amazon ed eBay nei loro domini esteri, su Zalando, JD.com, Suning, Tmall, Venteprivee ed altri siti ancora.

Immensi margini di crescita per l’Export italiano

Sebbene, come visto, predomini l’Export online indiretto, non è detto che quello diretto non possa crescere, anzi è proprio questo ciò che si auspica per la floridità dell’economia nazionale.

Attualmente, le aziende italiane che effettuano esportazioni tramite e-commerce sono poco più di un terzo, tuttavia solo il 2% affida le sue vendite esclusivamente a Internet; la percentuale è rilevante, dunque, ma ci sono senza dubbio degli immensi margini di crescita.

Alcuni dati interessanti sulle imprese esportatrici italiane

É molto interessante conoscere quali sono gli ambiti in cui l’Export digitale italiano si rivela più competitivo: al primo posto si colloca il settore Fashion, con una percentuale davvero importante pari al 66%, seguono il Food con il 15% e l’arredamento con il 7%.

Da un’analisi su un campione di 160 aziende esportatrici italiane, sia produttrici che retailer, è emerso che le medesime esportano almeno il 10% del loro fatturato nell’arco di un anno.

Resta elevata la percentuale di imprese che commercia con l’estero attraverso canali tradizionali, pari esattamente al 43%, il 35% opera sia tramite canali online che attraverso canali offline, mentre come accennato in precedenza appena il 2% delle aziende esporta affidandosi esclusivamente all’e-commerce.

Cosa impedisce alle aziende di commerciare online con l’estero?

Vendere attraverso e-commerce all’estero può essere davvero importante per il business di un’azienda e può spalancare degli orizzonti davvero importanti, ma per quale motivo alcune imprese non colgono tale opportunità?

Le ragioni sono differenti: nel 44% dei casi il “freno” è rappresentato da aspetti di natura legale, per il 39% il problema è invece individuabile nella necessità di gestire le strategie di Marketing, per il 34% nella gestione dei canali online, la medesima percentuale individua come ostacolo aspetti di natura logistica, infine il 27% delle imprese non commercia ancora con l’estero perché fatica a individuare dei finanziamenti necessari per ampliare l’attività in questo modo.

Un business potenziale assolutamente enorme

Rinunciare a quest’opportunità, tuttavia, è davvero un peccato: sono moltissime le imprese italiane che, ampliando la loro visione e rivolgendo i loro prodotti anche all’estero, sono riuscite a conseguire dei risultati davvero lusinghieri, decisivi per la crescita dell’azienda o, in alcuni casi, anche per la sua sopravvivenza.

Se siete consapevoli del fatto che l’e-commerce abbia un potenziale di business immenso, soprattutto laddove si vogliano rivolgere i propri prodotti anche all’estero, non esitate a contattarci: vantiamo un’esperienza profonda in questo settore e possiamo fornirvi ben più di un semplice aiuto!

 

Raccontaci la tua idea,
la trasformeremo in progetto.

Compila il form o chiamaci allo +39 02 89745373